Unità 2 Benefici, sfide e opportunità dell’economia circolare

Cos’è per te una buona pratica nell’ambito dell’economia circolare? Prenditi del tempo e scrivi cosa ne pensi prima di proseguire nella lettura.

Come ogni altra cosa, l’economia circolare ha i suoi benefici. In Europa questi possono essere davvero notevoli (ad esempio la riduzione dell’impatto ambientale, minimizzando altresì la crescente dipendenza dalla importazioni, che sempre più rappresenta una fonte di vulnerabilità). La crescente competizione globale per le risorse naturali ha contribuito a un significativo aumento dei prezzi, pertanto una strategia basata su una visione circolare dell’economia potrebbe consentire risparmi considerevolissimi, aumentando la competitività dell’industria europea.

Le sfide che l’economia circolare si trova ad affrontare sono costituite da un numero crescente di nuovi approcci che si affacciano sulla scena e dall’inevitabile frizione tra il sistema economico di tipo lineare preesistente e questi nuovi approcci. Essi infatti potrebbero essere percepiti come una minaccia da alcuni operatori economici, ma come delle opportunità da altri.

Le buone pratiche in ambito di economia circolare coinvolgono aziende che stanno già attuando, o sperimentando, nuovi modelli di business basati su servizi ai consumatori, nonché governi che promuovono una sempre maggior riduzione della produzione di rifiuti.

Esempi positivi si possono trovare anche in organizzazioni No-Profit. Diamo un’occhiata al caso di Humana Portugal! Fin dal 1998, Humana è un’associazione del terzo settore che lavora per proteggere l’ambiente attraverso il riutilizzo di vestiti e altri prodotti tessili. Questa associazione porta avanti altresì programmi di cooperazione alo sviluppo in Guinea-Bissau e Mozambico.

La missione di Humana è: “Proteggere l’ambiente attraverso il riuso di prodotti tessili e migliorare le condizioni di vita di comunità in via di sviluppo, sia a livello locale che internazionale, tramite programmi basati su solidarietà e partecipazione attiva delle persone coinvolte, con particulare attenzione ai bambini e ai giovani.”

I valori di Humana sono “Solidarietà, Sostenibilità, Consapevolezza Ambientale, Trasparenza, Persistenza, Focus sulle Persone e Professionalità” mentre la sua visione consiste nel “migliorare le condizioni di vita delle comunità più svantaggiate nel mondo, facilitare il loro sviluppo economico e sociale e promuovere un’economia circolare”.

Come può un cittadino collaborare con Humana? Chi lo desidera può donare capi di abbigliamento inutilizzati, scarpe e altri oggetti inserendoli nei box di Humana presenti in tutto il territorio portoghese, oppure può recarsi presso i negozi di Humana e comprare abiti di seconda mano. Attraverso la loro rete di negozi, Humana e I suoi partners promuovono il riuso dei capi di abbigliamento, che rappresenta un pilastro di una moda sostenibile.

Il grafico illustra come Humana utilizzi le donazioni di scarpe e vestiario. Gli abiti inseriti nei box di Humana vengono raccolti e radunati un uno specifico magazzino, dove vengono suddivisi a seconda della tipologia. I capi verranno riutilizzati attraverso i negozi di Humana in Portogallo (14%) e all’estero 40%). Alcuni capi inseriti nei box di Humana possono risultare inadeguati (1.5%), altri dovranno essere gettati in quanto ormai giunti alla fine del loro ciclo di vita (7%) e altri ancora verranno riciclati (37.5%).

Fai una ricerca e individua 3-4 buone pratiche in ambito di economia circolare adottate da delle aziende in Europa.

Fai una ricerca e individua alcune buone pratiche in ambito di economia circolare adottate in Europa.

The potentials and challenges of circular economy